-->
HOME      RECENSIONI      SERIE TV      RUBRICHE      CONTATTI      AFFILIAZIONI      TBR


giovedì 18 giugno 2015

RECENSIONE: "DRACULA" DI BRAM STOKER

Buon pomeriggio a tutti, lettori! Qui a Rimini si sta bene, non è nemmeno troppo caldo. Da voi com'è il tempo?Ho finito di recente il sopracitato romanzo gotico, che campeggiava nella wishlist da moooltissimo tempo, dunque ho deciso di scrivere la relativa recensione, sperando che riesca a catturare il vostro interesse :)


Titolo: DraculaAutore: Bram Stoker
Editore: BUR rizzoli
Prezzo: € 9
Prezzo ebook: € 2,99


TRAMA


"All'interno c'era un vecchio, alto, sbarbato ma con lunghi baffi bianchi, vestito di nero dalla testa ai piedi: neppure una nota di colore in tutta la sua persona."                                        - dal capitolo II


Scritto da Bram Stoker nel 1897 in forma di stralci di diari e lettere, Dracula è uno degli ultimi, se non l'ultimo, dei romanzi gotici. Creatura potente e inquietante, apparentemente immortale, in grado di padroneggiare poteri inimmaginabili, il conte-vampiro è un personaggio che dalla storia è passato direttamente al mito.Quella che lo vede protagonista, impegnato nel tentativo di recltare un esercito di non morti nella popolosa Londra di fine Ottocento, è una vicenda dominata da atmosfere cupe e da personaggi oscuri, in cui l'orrore e la minaccia, sempre ben presenti, assillano i protagonisti in un crescendo di emozioni che li conduce alle soglie dell'incubo.



VOTO:




Il romanzo si apre con Jonathan Harker in viaggio verso la Transilvania, nido del famigerato Conte Dracula. Il movente per cui un gentiluomo da poco sposato sia diretto verso un luogo che, da quanto si vocifera, non promette nulla di buono, è il suo capo, Peter Hawkins; Harker deve infatti curare l'acquisto di un'abitazione a Londra per conto del  misterioso nobile della Transilvania.Scritto interamente come raccolta di diari dei personaggi coinvolti nella caccia al Conte, assume subito un ritmo scandito e incalzante. Jonathan Harker è il primo personaggio che viene introdotto nel romanzo, descritto come un giovane e curioso gentiluomo, affascinato dai paesaggi della Transilvania e, in seguito, inquietato dagli atteggiamenti superstiziosi dei suoi abitanti. Una caratteristica molto interessante del romanzo, è proprio il mix di culture, leggente e superstizioni dei paesi che fanno da sfondo alle vicende (Inghilterra, Romania...)

Susseguono poi, alternati, i diari di altri personaggi, fra cui il celebre olandese Van Helsing, che guiderà la caccia al vampiro e Mina Harker, la fidanzata di Johnathan, la cui presenza sarà di grandissimo aiuto per il lieto fine. Lo sviluppo della trama è molto interessante, soprattutto dal momento che l'autore ha intrecciato tutti i diari fino a far combaciare perfettamente la storyline di ciascun personaggio. Nonostante l' "età", non è un libro esageratamente prolisso. In alcune parti, tuttavia, ammetto di aver sfiorato la noia mentre leggevo. Forse perché, abituata a romanzi moderni che filano lisci come l'olio, ho fatto fatica a masticarlo rapidamente. L'inizio, tuttavia, mi è parso molto più fluido e intrigante. In ogni caso, ho apprezzato molto il geniale alternarsi dei diari che, a un certo punto, pare che si uniscano a raccontare stesse esperienze, solo da punti di vista diversi. Un classico molto affascinante, sicuramente consigliato agli amanti del gotico.

E voi? Avete già letto questo romanzo? Fatemi sapere cosa ne pensate o se siete interessati :)

Amelia

Nessun commento:

Posta un commento